click

Devi Rinnovare la Patente?
Verifica costi e date.

click
COME RINNOVARE FAQ CONTATTI
Devi Rinnovare la Patente?
Verifica costi e date.

Patenti non rinnovabili con il nostro servizio

(leggi il dettaglio limitazioni d'uso)

News » Milano, limite dei 30 all'ora per ridurre gli incidenti

Data di pubblicazione: 15-01-2023

Tra le varie iniziative per ridurre incidenti e morti sulle strade, particolare interesse merita quella  di Milano, dove dal 2024 le auto viaggeranno con un limite di 30 chilometri orari in tutta la città e non solo in certe zone protette (come accade oggi).

Lo ha stabilito il Consiglio comunale che ha approvato un ordine del giorno della maggioranza. Il sindaco, Beppe Sala dovrà proclamare Milano "Città 30", istituendo il limite di velocità in ambito urbano, a partire dal 1° gennaio 2024.

Una vera e propria rivoluzione della mobilità in una metropoli. In Italia soltanto Bologna finora ha avviato il percorso per diventare "Città 30". Portare il limite a un massimo di 30 km l’ora in città – sostengono gli esperti interpellati dai politici milanesi - potrebbe ridurre gli incidenti stradali e provocare meno morti sulle strade. «Infatti l’impatto tra un’automobile che viaggia a 50 chilometri orari e un pedone o un ciclista è quasi sempre fatale per l’utente leggero della strada, e al contrario l’impatto a 30 chilometri non è quasi mai letale e offre ampie rassicurazioni sulla minore gravità delle conseguenze».

Nelle città, secondo dati Aci-Istat, avvengono oltre il 70% degli incidenti e tra le prime cause in assoluto c’è proprio l’eccesso di velocità. La "Milano 30" prevede poche deroghe su alcune strade selezionate a grande scorrimento, dove potranno essere previsti limiti più alti di 50 km.

 

In Europa già Parigi e Bruxelles hanno imposto (ma non nell'intera città) il limite urbano di 30 chilometri orari, la prima dall’agosto 2021 e la seconda dal gennaio dello stesso anno.
 

Dopo i primi 12 mesi di sperimentazione i risultati sono stati un aumento del rispetto dei limiti di velocità, con i morti sulle strade che si sono più che dimezzati. Ridotti in modo significativo anche i feriti gravi. Altre città europee hanno fatto e stanno facendo scelte analoghe, tra queste Graz, Grenoble, Helsinki, Valencia, Zurigo, Lilla, Bilbao.